Laconi - Parco Aymerich

 - 

Storia

STORIA

Parco Aymerich

Tra specie autoctone e ruderi del vecchio castello medievale sotto il grande cedro libanese, 24 ettari di giardino botanico al centro della Sardegna.

LACONI

Parco Aymerich

Il Parco Aymerich di Laconi è il più grande parco urbano della Sardegna e si trova ai piedi dell’antico palazzo degli Aymerich, i feudatari che governarono il paese fino al XIX secolo. Il parco ha un’estensione complessiva di 24 ettari  ed è un vero e proprio giardino botanico che comprende anche numerose piante esotiche che lo stesso Marchese Ignazio Aymerich, appassionato giardiniere, aveva fatto impiantare. Lungo i percorsi naturalistici del parco si possono dunque ammirare diverse specie vegetali esotiche tra cui l’imponente cedro libanese e un pino corso, in mezzo a numerose altre autoctone come lecci, corbezzoli e platani. Nel parco vi sono ancora i ruderi dell’antico castello medievale di Laconi, costruito nel 1053. L’edificio nacque sui resti di un castrum bizantino ed ebbe grande importanza in epoca medievale come castello di frontiera tra gli allora regni di Arborea e di Cagliari. Attualmente rimangono visibili la sala principale con alcune sedute in pietra e una finestra gotica.


DALLA CATALOGNA I MARCHESI DI LACONI
La famiglia Aymerich, proveniente dalla Catalogna, si trasferì in Sardegna nel XIV secolo dove passò per la prima volta nel 1326, facendo però ritorno in patria dove aveva i suoi interessi. A metà del ‘400 gli Aymerich fecero pianta stabile in Sardegna, prima di tutto a Cagliari, dove nelle varie generazioni ebbero numerosi incarichi di prestigio politico-amministrativo e religioso: gli Aymerich furono consiglieri, canonici e ambasciatori. Nel corso della lunga permanenza in Sardegna, attraverso speculazioni finanziare e compravendite di feudi, entrarono in possesso di varie estensioni di territorio, dal Marchesato di Quirra alla signoria di Gesturi. Per difendere le proprietà dagli assalti turchi, specialmente quelle sulla costa, nel 1563 formarono una Compagnia di Cavalleria per combattere i pirati che proprio in quel periodo depredavano le coste della Sardegna.

LA DIFESA DI ORISTANO
DALL'ASSALTO FRANCESE

Tra i personaggi di spicco che contraddistinse la lunga storia della famiglia in Sardegna, vi fu certamente quello di Don Ignazio Aymerich y Canì, (1608 /1663) 5° Signore di Mara e 1° Conte di Villamarche, che, nel febbraio del 1637, fu inviato al comando di una compagnia di cavalleria, ad ostacolare le squadre francesi capeggiate da Enrico di Lorena che stavano assalendo la Città di Oristano. Il Don si distinse per il suo coraggio in battaglia tanto che, per raggiungere l'avanguardia sarda attraversò a nuoto il fiume Tirso sotto il fuoco nemico e, unendosi ai suoi, si gettò per primo nella mischia contribuendo alla vittoria della giornata.

IL RAPPORTO CONFLITTUALE
CON LA POPOLAZIONE
Nonostante il noto episodio di eroismo militare in favore della Sardegna (o forse più semplicemente dei loro possedimenti) di uno dei più importanti esponenti della famiglia, gli Aymerich, ebbero un rapporto tutt'altro che felice con i sardi. Numerosi furono i conflitti con la popolazione o con le famiglie rivali, dai contorni non sempre trasparenti al punto che, solo la grazia sovrana del 1676, gli consentirono di stare stabilmente in Sardegna.

GLI AYMERICH A LACONI  
Dal 1769 gli Aymerich divennero Marchesi di Laconi e, nel ‘800, Ignazio divenne uno dei personaggi di spicco della storia laconese, diventando, oltreché marchese anche sindaco e consigliere comunale e provinciale di Cagliari, nonché capo dello Stamento militare. Nel 1848 venne nominato senatore del Regno di Sardegna. Alla sua morte lasciò numerosi scritti sulla condizione della Sardegna alla nascita del Regno d'Italia e soprattutto beni immobiliari come il Palazzo, il Parco e il Castello Aymerich che divennero simbolo del paese e patrimonio storico-culturale della Sardegna. 


© riproduzione riservata
ALTRI REPORTAGE
Nuraghe Ardasai Seui
Nuraghe Ardasai
Il Sardinia Project Storia della Sardegna
Il Sardinia Project
Gli Shardana Storia dei sardi
Gli Shardana
Ex Acquedotto di Sassari Sassari
Ex Acquedotto di Sassari
Nuraghe Orgono Ghilarza
Nuraghe Orgono