Alimentazione - Glucidi, protidi e lipidi

I nostri articoli
TROVA IN:      > 

Glucidi, protidi e lipidi

 

Glucidi, protidi e lipidi sono le molecole organiche che costituiscono i macronutrienti da cui l’organismo attinge attraverso l’alimentazione per avere l’energia necessaria a mantenersi in vita.

Si tratta di aggregazioni di atomi in cui tre sono comune a tutti, il carbonio, l’idrogeno e l’ossigeno, mentre l’azoto, il ferro, il sodio, il magnesio e lo iodio sono atomi che compaiono solo nella costituzione delle proteine. La formazione di queste molecole avviene con la eliminazione dell’acqua.


 

I GLUCIDI

I glucidi, o carboidrati, sono composti ternari costituiti dall’aggregazione di atomi di carbonio, idrogeno e ossigeno, sintetizzati nei cloroplasti delle cellule vegetali durante la fotosintesi clorofilliana ed hanno due funzioni di fondamentale importanza:

1)      Sono la principale sorgente energetica per la maggior parte degli esseri viventi;

2)      Costituiscono il materiale di partenza per la sintesi molte altre molecole.

I glucidi sono solubili in acqua perché hanno vari gruppi alcolici che formano legami a idrogeno con le molecole d'acqua.

Appartengono alla categoria di questi macronutrienti gli zuccheri, l’amido, la cellulosa e il glicogeno. Alcuni di essi, come gli zuccheri sono solubili in acqua altri, come la cellulosa, non lo sono.

I glucidi si possono distinguere in semplici e complessi. Ai glucidi semplici appartengono i monosaccaridi, mentre ai glucidi complessi i polisaccaridi.



  • I monosaccaridi

I monosaccaridi sono sostanze di colore bianco, cristalline e dal sapore quasi sempre dolce, sono solubili in acqua e insolubili nei solventi organici.

Chimicamente sono composti nella proporzione Cn(H20)n e si classificano in base al numero di atomi di carbonio che possono variare da 3 a 7. Si possono quindi chiamare triosi, pentosi, esosi etc. I più importanti sono a 5 o a 6 atomi di carbonio

Pentosi – I pentosi più conosciuti sono sicuramente il ribosio e il desossiribosio, che sono i monosaccaridi che concorrono alla formazione degli acidi nucleici.

Esosi – Alla categoria degli esosi appartengono invece il glucosio, il fruttosio e il galattosio che sono basilari come fonte energetica degli organismi.  

  • I polisaccaridi

I polisaccaridi sono delle macromolecole formate da due o più molecole di monosaccaride unite tramite legame covalente; poco solubili in acqua perché hanno un elevato numero di legami che si dovrebbero scomporre contemporaneamente, non hanno sapore dolce, vengono scomposti per idrolisi in soluzioni acida, con la “supervisione” dagli enzimi.

I polisaccaridi sono i glucidi più diffusi in natura e costituiscono il materiale di riserva, di sostegno e di protezione di organismi animali e vegetali.  

Esempi di polisaccaridi sono l’amido, la riserva dei vegetali, la cellulosa, il costituente della parete cellulare dei vegetali, il glicogeno, riserva delle cellule animali.

I LIPIDI
I lipidi, o grassi, come i glucidi, sono sostanze ternarie, sempre costituite da idrogeno, ossigeno e carbonio.

L'INSOLUBILITA' IN ACQUA

A differenza dei glucidi però i lipidi sono insolubili in acqua a causa del fatto che gli elementi si legano con un gran numero di legami covalenti apolari (cioè tra atomi con differenza di elettronegatività compreso tra 0 e 0,4). I lipidi invece con l’acqua formano delle emulsioni; mentre sono solubili con solventi quali l’acetone o l’etere.

I lipidi si distinguono in semplici e complessi. Dei primi fanno parte i grassi neutri o trigliceridi; dei secondi appartengono i lipidi delle membrane cellulari, la vitamina D, gli ormoni sessuali e gli acidi biliari.

Dalla demolizione di una molecola di lipide la cellula ottiene il doppio dell’energia che si ricava dalla stessa quantità di glucidi e protidi.

Negli organismi viventi i lipidi rappresentano ottime sostanze di riserva che si accumulano nei tessuti adiposi a cui essi attingono quando il nutrimento si fa scarso. 

Anche i vegetali accumulano notevoli quantità di lipidi nei semi e nei frutti, tanto da poter essere sfruttati per l’estrazione di olii commestibili e industriali (olio di oliva, di arachidi, di mais, di ricino, di lino…).

La molecola dei lipidi di riserva è quella dei trigliceridi che sono il tipo di lipide più abbondante in natura (circa il 98% dei grassi presenti negli animali e negli alimenti). Essa è formata da un alcol, la glicerina e da un acido grasso (acido oleico, palmitico, butirrico, ecc.). Nella sintesi di un trigliceride una molecola di alcol si combina con tre di acido grasso attraverso l’eliminazione di tre molecole d’acqua. Questa reazione avviene sotto l’azione di particolari enzimi.

I PROTIDI
I protidi, o proteine, sono i composti organici più diffusi nelle cellule viventi. La loro molecola è di grandi dimensioni ed è costituita da un composto quaternario composta oltre che da carbonio, idrogeno e ossigeno come nel caso dei glucidi e dei lipidi, anche di azoto oppure, talvolta, di sodio, potassio, ferro, magnesio o iodio.

La funzione principale dei protidi è plastica cioè sono essi il materiale principale di cui sono costituite le strutture cellulari; mentre, una funzione secondaria ma non meno importante è quella di normalizzazione metabolica. Sono infatti proteine gli enzimi (funzione di controllo); gli ormoni (funzione di regolazione) o l’emoglobina (funzione di trasporto).

Come detto le proteine sono molecole di grandi dimensioni e sono costituite da unità più piccole, dette aminoacidi. Gli aminoacidi si combinano per formare le proteine attraverso il legame peptidico che si realizza con l’eliminazione di una molecola d’acqua. Viceversa la rottura delle proteine avviene per aggiunta di una molecola d’acqua. Il processo di sintesi proteica avviene all’interno delle cellule (verifica dove avviene quello dei lipidi), mentre quello di distruzione, detto anche idrolisi o digestione può avvenire sia all’interno che all’esterno della cellula. Questi processi ovviamente si svolgono sotto l’azione catalizzatrice degli enzimi.

Gli aminoacidi, a differenza delle proteine, sono solubili in acqua. Questo perché le loro ridotte dimensioni gli consentono di attraversare la membrana cellulare.

L’importanza delle proteine oltre all’aspetto plastico e metabolico è legata anche all’identità specifica di un individuo o di una specie. Ciò significa che analizzare una proteina di un individuo o di una specie significa spesso conoscere il tratto biologico che lo distingue da altri individui o specie.

Autore dell'articolo: Pierpaolo Spanu

LEGGIA ANCHE: LIVELLO MOLECOLARE. LA COMPOSIZIONE CHIMICA DEGLI ESSERI VIVENTI

MONOMERI & POLIMERI

Queste sostanze sono formate dalla polimerizzazione (cioè dall’unione) di unità di base più piccole, i monomeri:

  • I monosaccardi – nei glucidi
  • Gli aminoacidi – nei protidi
  • Un alcol e un acido grasso – nei lipidi

SINESTI E IDROLISI

-          La sintesi dei protidi, dei glucidi e dei lipidi avviene sempre con l’eliminazione di una molecola d’acqua

-          L’idrolisi dei protidi dei glucidi e dei lipidi avviene sempre con l’aggiunta di una molecola d’acqua

aziende
Insiemistica & Logica proposizionale

Insiemistica & Logica proposizionale

La logica classica

Logica

La logica classica

La logica

Logica

La logica

Gli angoli

Gli angoli

Il periodo

Sintassi

Il periodo

Costruzioni fondamentali

Geometria piana

Costruzioni fondamentali

Test - Il cerchio e la circonferenza

Geometria piana

Test - Il cerchio e la circonferenza

Concavo e convesso

Cultura generale

Concavo e convesso