- Intervista al sindaco di Dorgali

I nostri articoli
TROVA IN:      > 

Intervista al sindaco di Dorgali

 

Maria Itria Fancello, sindaco di Dorgali in forza al Movimento Cinque Stelle, risponde alle domande di Informati Sardegna. 





BILANCIO A FINE MANDATO

1) Itria Fancello, stiamo entrando nell'ultimissima fase del suo mandato. Domanda, che bilancio fa da un punto di vista dell'esperienza che ha sviluppato? È stata più impegnativa del previsto? 

FANCELLO - Il bilancio di questa esperienza è sicuramente positivo, nonostante le difficoltà. Non direi che sia più impegnativa di quanto avessi previsto, quanto piuttosto che è impegnativa in modo diverso. Nella vita ho l'abitudine di affrontare un problema per volta, approfondirlo, decidere e poi andare avanti. In Comune questo è impossibile! E' necessario passare continuamente da un argomento all'altro, a volte in pochi minuti, e talvolta tornare su decisioni già prese perché altri enti non sono d'accordo con noi. Si passa da Protezione Civile ad Urbanistica, ad Ambiente, all Agricoltura, agli Appalti, ai Lavori pubblici, al Bilancio, al Turismo, alla Sanità, alla Scuola, alla Viabilità (e la lista potrebbe continuare a lungo). E poi bisogna ascoltare le persone, sentire le critiche, cercare di osservare i propri errori e quando si può correggerli. Tutto sempre cercando di pensare, parlare ed agire in modo equilibrato e rispettoso di tutti. 

PROGRAMMAZIONE

2) Il programma che vi siete dati, Lei e il Movimento Cinquestelle Dorgali di cui fa parte, a inizio mandato è stato portato a termine? Quali gli obiettivi raggiunti e quali no?

Come credo succeda sempre, siamo riusciti a portare a termine alcuni risultati, alcuni obiettivi sono ancora "in lavorazione" e a qualcosa abbiamo dovuto rinunciare.

  • OBIETTIVI RAGGIUNTI – Tra i progetti realizzati: abbiamo bloccato l'acquisizione del palazzo Ticca di Cala Gonone e dirottato i fondi per il centro multimediale su un locale di proprietà comunale. In questo modo con due interventi separati ma collegati tra loro stiamo realizzando sia il centro multimediale che una nuova biblioteca per Cala Gonone, con spazi e allestimenti più versatili. Abbiamo fatto un nuovo appalto per la mensa scolastica, con il quale abbiamo quasi completamente eliminato l'usa e getta e introdotto alte percentuali di prodotti locali.
  • OBIETTIVI NON RAGGIUNTI – Tra i progetti a cui abbiamo rinunciato c'è il compostaggio locale (o compostaggio di comunità), perché con l'apertura del centro di compostaggio a Nuoro non era più necessario né particolarmente conveniente. Non abbiamo mai fatto un calendario delle sedute di consiglio comunale perché ci siamo resi conto che spesso non era possibile rispettare i tempi per cause non dipendenti dalla nostra volontà.
  • OBIETTIVI IN VISTA – Tra i progetti "in dirittura d'arrivo" i più importanti sono sicuramente il PUC (che, "pronto" dal 2017, ha avuto molti rallentamenti anche a causa di modifiche normative regionali a cui abbiamo dovuto adeguarci) e l'istituzione dell'Area Marina Protetta con il Comune di Orosei.

CORSO UMBERTO O CORSO SALVATORE FANCELLO

3) Signor Sindaco, uno dei primi provvedimenti che Lei e la sua Amministrazione avete fatto è stato quello sul cambio di nome al corso Umberto, assieme a via Lamarmora la strada principale del paese. Domanda, l'operazione a che punto è? Siete stati criticati molto sulla necessità di questa operazione, perché avrebbe creato non pochi problemi ai titolari dei numeri civici. Mi dice quali ostacoli avete avuto e se siete intenzionati a raggiungere questo obiettivo?

FANCELLO - L'operazione si è interrotta perché a seguito della nostra proposta ci sono state molte lamentele da parte dei residenti. Abbiamo provato a spiegare che si trattava di disagi limitati e che sarebbero durati pochissimo, ma nonostante questo, i residenti sono rimasti contrari. Noi continuiamo a pensare che il Corso di Dorgali dovrebbe essere intitolato a Salvatore Fancello, e speriamo di poter portare termine anche questa iniziativa. Ci piacerebbe che il nome della via fosse cambiato in seguito al rifacimento del canale tombato (e quindi di tutta la via), opera per la quale abbiamo già predisposto il progetto definitivo (in attesa dei pareri della regione) e richiesto un finanziamento alla Regione Sardegna.


PONTE DI OLOÈ

4) Ponte di Oloè. Il lunghissimo periodo di chiusura della Provinciale 46, di collegamento per Dorgali con Oliena, Nuoro e la Barbagia, è stata una conseguenza, tra le altre cose, anche di una mancata azione di spinta da parte degli amministratori locali verso i piani alti dello Stato per ripristinare in tempi più ragionevoli la circolazione?

FANCELLO - No. Il lunghissimo periodo di chiusura della strada è dovuto alla lentezza amministrativa che caratterizza tutto il sistema italiano, che impedisce di intervenire rapidamente quando ci sono appalti di importi rilevanti (il cosiddetto “sopra soglia”). Il fatto che si tratti di una opera fondamentale per il nostro territorio non è sufficiente per derogare alle norme in materia di appalti. Inoltre, trattandosi di una opera sottoposta a sequestro da parte della magistratura, ai tempi della "macchina amministrativa" si sono aggiunti i tempi della "macchina della giustizia".

Le richieste da parte delle amministrazioni coinvolte ci sono state, anche se non sempre si è deciso di dargli risalto mediatico. In alcune occasioni sollevare i toni del dibattito pubblico serve, in altre può essere deleterio. Chi amministra deve imparare a gestire in modo equilibrato la comunicazione mediatica, evitando di cavalcare il malcontento per scopi puramente propagandistici.

PROVINCIALE  26bis PER ZIU MARTINE E FUILI

5) Facciamo un grosso salto temporale in avanti e portiamoci subito all'estate 2019, quella della proposta di chiudere al traffico automobilistico la provinciale che porta alle spiagge di Cala Fuili e Ziu Martine. Con questa iniziativa, tu e la tua amministrazione avete avuto una pioggia di critiche anche se non sono mancati i pareri favorevoli. Questo progetto come mai non è stato ancora realizzato e quali problemi avete riscontrato per non metterlo in pratica dall'estate 2020?

FANCELLO - Il progetto di istituzione di una ZTL sulla SP 26bis è naufragato perché non abbiamo trovato un accordo con la Provincia. Noi riteniamo che la competenza sia la loro, e loro ritengono di non dover essere loro ad emettere un provvedimento simile. L'unico modo per uscire da questa situazione è valutare l'acquisizione della strada da parte del Comune. Non essendo degli sprovveduti, prima di avanzare una proposta in tal senso, abbiamo chiesto alla Provincia che ci trasmettessero tutte le informazioni utili relativamente ai lavori eseguiti su quella strada (messa in sicurezza dei versanti franosi, sistemazione del manto stradale ecc), ma soprattutto abbiamo chiesto una verifica statica sulle condizioni del ponte che si trova all'uscita del centro abitato. Siamo ancora in attesa di una risposta.

6) Covid-19. Esaminando i programmi culturali e folcloristici per la stagione estiva 2020, in accordo anche con le varie associazioni di pertinenza, è sembrato che da parte dell'amministrazione non si sia tenuto conto del rischio contagi e assembramenti in questi appuntamenti, come cerimonie religiose, appuntamenti canori, manifestazioni sportive, addirittura "Cortes Apertas" riproposta nonostante il parere contrario dell'ente organizzatore. La gente si chiede quali sono le valutazioni sanitarie ed epidemiologiche che l'amministrazione fa per dare il via a queste iniziative così a rischio? Qualche perplessità è anche arrivata dagli operatori medici e paramedici che sarebbero i primi coinvolti in un'eventuale focolaio. Avete anche personale di controllo sufficiente (vigili urbani) per arginare il pericolo assembramenti ?

FANCELLO - Tutte le manifestazioni del 2020 (che sono davvero poche rispetto a quelle dell'anno precedente) sono organizzate nel rispetto delle normative vigenti, e sotto la responsabilità degli organizzatori. In questi ultimi mesi abbiamo sentito spesso l'espressione "se non ci ucciderà il virus, sarà la crisi ad ucciderci". Ecco, noi crediamo che se il Governo e la Regione stanno emanando provvedimenti che vanno in un ottica di responsabilizzazione del singolo e di riapertura graduale delle attività, sarebbe contraddittorio da parte nostra dire "noi chiudiamo tutto". Abbiamo bisogno di far girare l'economia, abbiamo bisogno di vivere, di incontrare le persone e riprendere le attività sociali. Con responsabilità, nel rispetto delle norme, ma senza paura. Per quanto riguarda il personale: no. Il nostro personale non è sufficiente e soprattutto non lavora in orario notturno. Oltre le 20:00 dobbiamo ringraziare le altre forze dell'ordine, in particolare la locale Stazione dei Carabinieri, sempre molto collaborativa con l'Amministrazione comunale.

Autore dell'articolo: Spanu Pierpaolo

aziende
Hotel Smeraldo. La giunta Fancello, in quattro anni, non ha ancora deciso cosa farne

Cala Gonone

Hotel Smeraldo. La giunta Fancello, in quattro anni, non ha ancora deciso cosa farne

Dorgalese 2020-21

Dorgali

Dorgalese 2020-21

L'apparato digerente

L'apparato digerente

Differenza tra Sistema e Apparato

Differenza tra Sistema e Apparato

Il gatto scambiato per foca monaca

Il gatto scambiato per foca monaca

Geometria 1 - Solidi, superfici, linee e punti

Geometria 1 - Solidi, superfici, linee e punti

Travaglio bullizza Prodi e si allinea al peggior giornalismo feltriano

Travaglio bullizza Prodi e si allinea al peggior giornalismo feltriano

I reni

I reni